gay-couple-1294120_960_720.jpg
Dott.ssa Lara Ermini

Dott.ssa Lara Ermini

COME SI SCEGLIE IL PARTNER IDEALE

Sulla scia dell’articolo precedente “Coppia: formazione del legame e fasi dell’amore” che trovate nel mio sito www.lachiavedipsi.it , qui tratteremo brevemente di come scegliamo il nostro partner. Scegliere bene il partner può considerarsi una delle cose essenziali da fare per intraprendere una relazione che funzioni..

Ma siamo davvero sicuri che tutto dipenda dalla nostra volontà?

Beh no, non si può controllare tutto, non si può scegliere di chi innamorarci…e aggiungerei fortunatamente! 

Certi meccanismi devono rimanere segreti, devono far sorprendere, devono stravolgere piani già fatti. Se si potesse avere il potere di scegliere con sicurezza chi amare… della spontaneità dell’amore non esiterebbe più nulla; ed inoltre si perderebbero tante esperienze belle e brutte che insegnano e fanno scoprire cose di noi sconosciute.

Avere una relazione amorosa può essere rischioso perché all’altro, si affidano tante parti di sè, anche le più vulnerabili: ma quanto insegna lo stare in relazione con un’altra persona? La cosa essenziale è vivere una relazione che porta ad “evolversi”, a crescere e non a bloccarsi o a sottrarsi alla propria identità.

Ad ogni modo, per quanto può sembrare tutto così “disordinato”, alla base della formazione del legame di coppia abbiamo la scelta del partner… e allora… COME SCEGLIAMO IL NOSTRO PARTNER?

Alcuni studiosi affermano che la scelta del partner è di due tipi:

  • INCONSAPEVOLE: in questo caso la scelta del partner avviene inconsapevolmente; ovvero si tende ad avvicinarsi ad una persona a seconda delle esperienze infantili vissute con il genitore del sesso opposto. Secondo lo studioso Dicks (1967) esistono due schemi di scelta

1) Complementare, secondo la quale si sceglie un partner per la particolare somiglianza che questo ha con il proprio genitore di riferimento; 

2) Per contrasto, secondo la quale si sceglie un partner con caratteristiche diverse rispetto al genitore significativo, ancor di più quando le figure genitoriali non hanno saputo rispondere adeguatamente ai bisogni infantili. 

  • CONSAPEVOLE: modalità di scelta che coincide alla fase d’innamoramento, in cui entrambi i partner si conoscono e si mettono alla prova su limiti, risorse ed affinità valutando insieme la loro affinità di coppia (Gambini, 2007, 119-121).

In letteratura emergono ulteriori 3 ipotesi che hanno l’obiettivo di predire la preferenza nella scelta del partner: 

1) L’effetto familiarità, conferma che si è attratti nello scegliere un partner che “somigli” nelle caratteristiche fisiche e di personalità, a qualcuno che sia familiare; questa tendenza alla familiarità aiuta ad avvicinare persone che hanno, all’inizio anche solo empaticamente, dei tratti a noi conosciuti e perciò affidabili. 

2) L’effetto somiglianzain cui gli individui preferiscono scegliere persone con uno stile simile al proprio. 

3) L’effetto sensibilità, quest’ultimo presuppone l’ipotesi che si tende a scegliere un partner che si mostri premuroso e sensibile ai bisogni affettivi; ma perché? Perché per natura si è portati a dedicare la propria attenzione a coloro che, con più facilità, potrebbero essere delle basi sicure ottimali per il nuovo legame di attaccamento. (Attili, 2004, 50-51).

Ovviamente, non esiste la relazione perfetta, non esiste qualcosa di sempre valido, esiste il vivere, il toccare con mano le esperienze, le persone, le difficoltà e quello che possiamo imparare da queste. Tutte le relazioni sanno donarci momenti meravigliosi e momenti in cui ci viene da pensare che forse è “meglio soli che male accompagnati” … ma a volte è bello anche fronteggiare i mutamenti delle cose, delle persone, della vita… decidendo di trovare la chiave più giusta per vedere il bellissimo panorama che leggiamo attraverso le pieghe del viso delle persone della nostra vita.

.

Se ti interessano gli articoli della sezione “Coppia, visita il mio sito www.lachiavedipsi.it o rimani connesso sui social: su Instagram “la_chiave_di_psi” o Facebook sulla mia pagina professionale “Dott.ssa Ermini Lara-Psicologa”.

Riferimenti Bibliografici

ATTILI, G. (2004). Attaccamento e amore. Bologna: il Mulino.

GAMBINI, P. (2007). Psicologia della famiglia. La prospettiva sistemico relazionale. Milano: Franco Angeli.

Condividi questo post

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email